Biofruitnet - Boosting Innovation in Organic Fruit Production through Stronger Networks

Biofruitnet logo

Boosting Innovation in Organic Fruit Production through Stronger Networks

Sito web ufficiale: https://biofruitnet.eu/

Rafforzare la produzione di frutta biologica in Europa

Sebbene l'Unione Europea sia la regione leader mondiale nella produzione di frutta biologica, le importazioni di frutta bio da Paesi extra UE continuano ad aumentare. Le ragioni di ciò sono che alcune varietà di frutta non possono essere coltivate in Europa, non sono disponibili stagionalmente o semplicemente la domanda non può essere soddisfatta dalla produzione europea. Questo sviluppo significa per i produttori europei una nuova sfida per affermarsi in un mercato sempre più competitivo. Inoltre, la frutticoltura biologica è una forma di coltivazione molto impegnativa perché, contrariamente all'agricoltura convenzionale, alcuni problemi non possono essere risolti con fitofarmaci chimico-sintetici. Di conseguenza, i coltivatori sviluppano strategie e metodi a livello locale per proteggere le loro colture. Oltre a ciò, vengono condotte diverse ricerche scientifiche e sperimentazioni nei Paesi dell'Unione Europea per continuare a migliorare la frutticoltura biologica. Il progetto BioFruitNet si pone come obiettivo quello di costruire una rete ben funzionante che colmi il divario tra ricerca e prassi agricola e renda disponibili soluzioni sviluppate localmente anche agli altri frutticoltori bio in Europa.

Il progetto BioFruitNet

Al fine di rafforzare la coltivazione biologica europea, il progetto BioFruitNet si prefigge cinque obiettivi specifici: 1) raccogliere e sintetizzare le conoscenze scientifiche e pratiche esistenti nell'agricoltura biologica (ad esempio su malattie e parassiti, nutrizione delle piante o idoneità delle varietà) che possono essere applicate su larga scala nella prassi agricola; 2) costruire una solida rete di innovazione a livello europeo per la frutticoltura biologica al fine di facilitare la condivisione delle conoscenze tra coltivatori, ricercatori e consulenti; 3) rafforzare le reti esistenti in ambito di frutticoltura biologica e garantire che vi sia uno scambio continuo di informazioni tra ricercatori e professionisti da un lato e tra le diverse regioni d'Europa dall'altro; 4) diffondere soluzioni pratiche ai gruppi interessati (coltivatori, studenti in agricoltura, consulenti) utilizzando formati semplici e intuitivi come video, tutorial, podcast e brevi articoli; 5) espandere il sito web di informazione nell’ambito della coltivazione biologica https://organic-farmknowledge.org  e rafforzarlo nella sua funzione di piattaforma di riferimento per coltivatori e consulenti.

Partner di progetto

 

  • Naturland – Verband für Ökologischen Landbau e. V. (Germania) (LEAD PARTNER)
  • Versuchszentrum Laimburg (Italia)
  • Instytut Ogrodnictwa (Polonia)
  • Institut Technique de l’Agriculture Biologique (Francia)
  • International Federation of Organic Agriculture Movements (IFOAM) European Union Regional Group (Svezia)
  • Valor Ecologico CAAE (ECOVALIA) (Spagna)
  • Centro Internazionale di Altistudi Agronomici Mediterranei (Italia)
  • Fördergemeinschaft Ökologischer Obstbau e. V. (FÖKO) (Germania)
  • Forschungsinstiut für Biologischen Landbau Stiftung (FiBL) (Svizzera)
  • Kobenhavns Universitet (Danimarca)
  • GartneriRådgivningen A/S (Danimarca)
  • Sveriges Lantbruksuniversitet (Svezia)
  • Eurizon SL (Innovarum) (Spagna)
  • Delphy BV (Paesi Bassi)
  • Vyzkumny A Slechtitelsky Ustav Ovocnarsky Holovousy S.R.O. (Repubblica Ceca)
  • Association of Latvian Organic Agriculture (ALOA) (Lettonia)

 

Durata del progetto:

01.11.2019 – 31.10.2022

Persona di riferimento al Centro di Sperimentazione Laimburg:

Markus Kelderer
+39 0471 969 622

EU flag
This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under Grant Agreement Nº 862850. This website reflects the views of the author(s) and does not necessarily reflect the views or policy of the European Commission. Whilst efforts have been made to ensure the accuracy and completeness of this document, the European Commission shall not be liable for any errors or omissions, however caused.